INCONTRO SULL’ELABORAZIONE DEL LUTTO

PERCORSI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE DI CITTADINANZA PER LA CRESCITA DELLA PERSONA 2017/18: COME COMUNICARE INTORNO AL TEMA DEL DOLORE E COME INSEGNARE AD AFFRONTARLO

INCONTRO CON L’ESPERTO 10 MARZO 2018 PLESSO “FERRERO”

Grazie all’attività e al supporto della ONLUS “Stare bene Insieme”, Associazione di Volontariato che si avvale di operatori specializzati nel sostegno psicologico, relazionale, sociale e spirituale, si è tenuto sabato 10 marzo, presso la scuola “Ferrero” di Alessandria,  un interessante e singolare incontro destinato a docenti, operatori scolastici e famiglie, finalizzato a fornire adeguati strumenti per affrontare in classe situazioni di sofferenze dovute a malattie o lutti dei familiari degli alunni.

Infatti tali eventi inevitabilmente si ripercuotono su bambini e adolescenti e, talvolta, minano il benessere dei piccoli rispetto alla sfera relazionale ed affettiva sia nel contesto classe sia nella cerchia dei coetanei, senza il supporto di adeguate azioni educative.

Relatrice dell’incontro è stata la Prof.ssa Maria Angela Gelati, tanatologa e formatrice esperta in  Death Education, che, attraverso un confronto diretto con il mondo della scuola, ha fornito spunti e strumenti  idonei con i quali sviluppare il tema della malattia e del lutto nel contesto scolastico e del ciclo della vita. Il percorso è di significato in un’epoca in cui, a detta degli esperti, in una pericolosa mistione di virtuale e reale, l’immersione di piccoli ed adolescenti nel mondo dei video games e dei social  rischia di portarli a sottovalutare il confine tra finzione e realtà anche su questo tema, con il conseguente venir meno del senso della preziosità della vita stessa.

Insegnare come comunicare e supportarsi reciprocamente anche in situazioni dolorose e ad attingere a risorse interiori per superare le difficoltà nella gestione delle emozioni aiuta infatti adulti e bambini a sviluppare competenze di vita utili ad affrontare la sofferenza  come parte integrante della crescita della persona attingendo al meglio dalle proprie potenzialità di fronte alla vita, anche in momenti estremi. Ne deriverà anche una maggior consapevolezza dell’importanza dell’apprezzamento della vita come il valore più grande.

Articolo stampa locale

 

 

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Chiudi